L'ultima settimana di settembre

L ultima settimana di settembre Pietro Rinaldi ha ottant anni e vuole essere lasciato in pace Ormai convinto che la sua vita sia arrivata al capolinea e mentre mangia penne all arrabbiata riflette su quanto i libri siano meglio de

  • Title: L'ultima settimana di settembre
  • Author: Lorenzo Licalzi
  • ISBN:
  • Page: 195
  • Format: Formato Kindle
  • Pietro Rinaldi ha ottant anni e vuole essere lasciato in pace Ormai convinto che la sua vita sia arrivata al capolinea e, mentre mangia penne all arrabbiata, riflette su quanto i libri siano meglio delle persone Se gi fatica a sopportare se stesso, figuriamoci gli altri Non ha proprio intenzione di avere a che fare con l umanit fino a quando, un giorno, nel suo mondo irrompe Diego, il nipotino quindicenne Lui ha l entusiasmo degli adolescenti e la forza di chi non si lascia abbattere dagli eventi, neanche da quelli pi terribili, e non ha paura di zittire i malumori del nonno Da Genova partono in direzione di Roma, a bordo di una Citron DS Pallas decapottabile su cui sembra di volare Sul sedile posteriore c Sid, l enorme incrocio tra un San Bernardo e un Terranova vera e propria calamit Ed cos che un viaggio di sola andata si trasforma in un avventura on the road, piena di deviazioni e ripensamenti, vecchi amori e nuove gioie Perch proprio quando credi di aver visto tutto che scopri quanto la vita riesca ancora a sorprenderti L ultima settimana di settembre il racconto esilarante e commovente del viaggio di un nonno e un nipote alla ricerca di se stessi una storia che, senza giri di parole, scava nei sentimenti pi profondi e ci porta di fronte alle emozioni pi vere, quelle che richiedono una buona dose di coraggio per essere affrontate ma rimangono impresse indelebili dentro di noi.

    • Unlimited [Contemporary Book] Ù L'ultima settimana di settembre - by Lorenzo Licalzi ↠
      195 Lorenzo Licalzi
    • thumbnail Title: Unlimited [Contemporary Book] Ù L'ultima settimana di settembre - by Lorenzo Licalzi ↠
      Posted by:Lorenzo Licalzi
      Published :2018-05-24T01:39:44+00:00

    One thought on “L'ultima settimana di settembre”

    1. Licalzi sa scrivere, ho letto con parsimonia, cioè non uno in fila all'altro molti suoi libri;è l'unico autore che è riuscito a commuovermi veramente in un paio di libri : questo e in "Cosa ti aspetti da me", in altri mi ha fattoMolto divertire,sa inventare storie che ti prendono e ti legano al libro. Provare x credere.Una scoperta che poi è diventata una conferma! Bravo

    2. Ho letto questo romanzo di Licalzi su cui non mi ero mai soffermata grazie alle offerte Kindle del mese. Il libro alterna una sagace ironia a momenti di intensa commozione in un viaggio dove si intrecciano dinamiche famigliari inattese. Il rapporto tra nonno e nipote è descritto con un'incredibile delicatezza attraverso un viaggio che ricorda il tema del viaggio omerico: un viaggio di crescita e trasformazione per coloro che decidono di affrontarlo. Un punto di merito assolutamente personale è [...]

    3. L'ho acquistato quasi per caso, attratto un po' dal titolo e un po' dalla sinossi ma ho potuto leggerlo solo ora che sono iniziate le ferie.Non l'ho letto, l'ho divorato come da tempo non mi capitava di fare.Come anticipato, il libro è divertente, ironico, pungente e anche molto commovente. A tratti, però. Quel giusto mix che fa apprezzare ogni variazione e che riesce a tenere incollati alla lettura, sempre scorrevole e quasi mai banale.Bello, mi è piaciuto molto e consiglio a tutti di legger [...]

    4. Licalzi continua a sorprendere : questa volta ci offre una storia reale che scivola via facilmente L'autore sa passare da un registro allegro ,quasi comico ,ad un registro serio ,quasi tragico .La storia mette a confronto due generazion idiverse (nonno e nipote ),ciascuna con le proprie ragioni che si scontrano e ,alla fine ,si incontrano,fino a riconoscere le loro identità.La prosa è ricca ,precisa ,molto curata ti tiene legato alla lettura . Consigliato .

    5. L'ho comprato ben un anno fa visto che era in offerta e, non conoscendo l'autore, ho fatto un esperimento.Ho finito di leggerlo stamattina con, stampato sul viso, un sorriso di quelli unici, come unico è questo libro.Credevo di iniziare a leggere una storia melensa e "piangina" e invece Mi sono trovata tra le mani un romanzo in cui c'è tutto. Famiglia, anzianità, disillusione, dolore, amore, sarcasmo, insegnamenti, ricordi e, semplicemente, vita. Non sono mancate le risate. Il "buon Rinaldi" [...]

    6. Sono alcuni anni che il personaggio del vecchio burbero sembra aver trovato una sua specifica classificazione letteraria, da Barney al personaggio di Marco Presta. Questo libro si infila degnamente in quel filone. La storia si apre con la pianificazione del suicidio del protagonista, raccontata con leggerezza e perfino con allegria, salvo poi veder rovinato il piano da eventi inattesi. Si sorride, ci si emoziona, la scrittura è godibile, veloce e non ci sono mai tempi morti. Si divora velocemen [...]

    7. eh, niente alla fine una lacrimuccia è scesa ma ho riso, mi sono commossa, divertita e il tempo è scorso incredibilmente veloce lo consiglio a tutti complimenti Lorenzo, già mi era piaciuto il tuo esordio e questo è stata una conferma!! Grazie per il bel tempo trascorso insieme :)

    8. Lo stile di Licalzi è ironico e diretto, cattura subito il lettore e lo incuriosisce. Anche se alcuni eventi della storia sono piuttosto improbabili- partire immediatamente dopo un grave lutto per un viaggio, ad esempio- tuttavia le considerazioni sulla condizione umana e sulla vita della scrittore sono molto interessanti e il libro è godibile, si legge in fretta, senza mai annoiarsi. Commovente, a volte, e divertente in altri capitoli.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *